La festa del Rinascimento

Contrada San Cristoforo

Trascorsi storici e tradizioni gastronomiche

La contrada di san Cristoforo, i cui colori sono bianco e blu, deve il suo nome alla zona del paese in cui ha sede. Infatti il territorio della contrada è delimitato in una zona del centro storico dove si trova la Chiesa di San Giuseppe che risiede nell’omonima via e che fu eretta dalla Compagnia di San Giuseppe nel 1737 nel luogo appunto detto “contrada di San Cristoforo”.

La zona centrale della Contrada è rappresentata dalla Piazza delle Prove, una bellissima terrazza panoramica da cui è possibile ammirare lo stupendo scenario dei Monti Martani.
Sulla piazza si apre la Taverna della contrada, nata dalla sapiente costruzione dei nostri contradaioli che per l’occasione creano artigianalmente un luogo di tutta suggestione; si tratta di una serie di locali all’aperto molto caratteristici, che permettono agli ospiti di assaggiare tutte le nostre specialità immersi nella frescura serale .

Tra i piatti prelibati si possono degustare i tradizionali picchiarelli, I GNOCCHETTI DI SAN CRISTOFORO E LA ZUPPA DELLA ZIA  (piatti caratteristici della nostra Contrada), la pizza sotto il fuoco, la carne alla brace, il tutto innaffiato con buon vino.
La taverna di San Cristoforo vivacizzata e organizzata da tante coche contradaiole è si avvale dell’aiuto e della sapiente arte culinaria per lo studio e la riproposizione della gastronomia locale del 1600 e quindi in particolare per la realizzazione del piatto per la gara gastronomica del nostro amico coco contradaiolo Pernici Lamberto docente presso l’Istituto Professionale Alberghiero  I.P.S.S.A.R.C.T. S. Cavallotti di Città di Castello.

Nelle edizioni passate, la Contrada di San Cristoforo è risultata vincitrice quattro volte  ( 2002 – 2003 – 2005 – 2007) grazie all’impegno e all’entusiasmo di un numeroso gruppo di persone coinvolte nell’organizzazione della Festa.